Masso del Ciuffo

Profondità: 17 min – 27 max

Siamo al traverso di Punta Pagliarolo, a due miglia dalla costa, zona B dell’A.M.P. di Santa Maria di Castellabate, su un’estesa secca che si interrompe a 17 metri di profondità con un gradino che raggiunge quota -27 metri. Lo stesso, disposto parallelo alla costa in modo serpeggiante, origina il “Masso del Ciuffo”, un pinnacolo roccioso che si stacca dal gradino con un rotondeggiante ciuffo di posidonia all’apice. Alla sua base, invece, le molteplici spaccature ospitano saraghi, ombrine e cernie brune, e più in alto non è raro trovare tane di polpi specialmente durante la cova stagionale. In “vetta” la folta posidonia, è sempre circondata da nuvole di castagnole spesso divise dai barracuda. Completano il colpo d’occhio le gorgonie, le spugne, il falso corallo e qualche nudibranco che danno vita e colore alle rocce.