I RELITTI DI PAESTUM

I RELITTI DI PAESTUM
Tipo di immersione: Ricreativa
Profondità: 12 / 22 m
Difficoltà: Facile

Durante la Seconda Guerra Mondiale la zona costiera che divide Agropoli da Salerno è stata teatro degli sbarchi Americani che tentavano di guadagnare le spiagge ostacolati dai nemici Tedeschi e dal maltempo, infatti, si dice che proprio durante lo sbarco una tempesta abbia provocato numerosi naufragi disseminando sui fondali oltre dieci Mezzi da Sbarco, un Carro Armato e anche una Nave porta munizioni. Quest’ultima colò a picco ad una profondità di 12 m con buona parte dello scafo che fuoriusciva dall’acqua e con gran parte del carico esplosivo ancora nelle stive; ritenuta molto pericolosa fu fatta esplodere e ad oggi, purtroppo, si possono ammirare solo le numerose e contorte lamiere sparse sul fondo. I vari relitti non sono molto distanti tra loro: alcuni sono capovolti con le eliche volte verso la superficie mentre due sono agiati in assetto di navigazione e mostrano il portellone di scarico aperto; poi il Carro Armato che, caduto in mare da uno dei mezzi da sbarco, si trova in posizione obliqua con il cannone conficcato nella sabbia. Sono pezzi di storia che oggi rappresentano un museo subacqueo regalandoci emozioni e immagini incredibili che ci riportano al passato facendoci rivivere momenti molto significativi. Non manca la presenza di svariate forme di vita bentonica che arricchiscono l’aspetto di questi relitti mentre la fanno da padroni le Cernie Bianche, i Saraghi, le Spigole, i Gronchi e i Pesci Balestra, inoltre si possono incontrare banchi di Ricciole solite frequentatrici dei rilievi isolati…immersione storica!